sabato 14 febbraio 2009

Quiche con salmone e lanttu


Passati i viaggi (almeno per un po', sigh...), si torna alle ricette.
Adoro le torte salate. Le trovo appetitose ed estremamente versatili. Si possono servire come antipasto, aperitivo, finger food ed accompagnate con un'insalata costituiscono un piatto completo.
Questa l'ho preparata per un house warming party, utilizzando due ingredienti molto finlandesi: il salmone ed il lanttu. Quest'ultimo non ha un'esatta traduzione in italiano, anche se sul vocabolario viene riportato come "rapa svedese". Si tratta di un ortaggio abbastanza diffuso nei nel centro-nord europa, il cui sapore e' una via di mezzo tra una patata ed un sedano rapa. E' gia' molto buono da solo, per esempio, bollito e condito con un po' di olio evo, ma trovo che dia il meglio di se' in zuppe e stufati.
Qui l'ho usato per il ripieno della torta salata e devo dire che il risultato e' stato ottimo!
Purtroppo, credo sia piuttosto difficile reperirlo in Italia, ma lo potete sostituire con l'equivalente quantitativo di patate.
Per la base, invece, ho utilizzato la fantastica pate a quiche di Felder, che avevo gia' postato precedentemente.

Quiche salmone e lanttu

Per la pate a quiche guardate qua

Per il ripieno

-350 g di lanttu (o patate)
-150 g di salmone affumicato
-2 scalogni
-2 uova
-2 dL di panna
-1 cucchiaino di prezzemolo tritato
-sale
-2-3 cucchiai di olio evo
-un bicchiere d'acqua naturale

Preparare la pasta come indicato nel post precedente.
Pulite gli scalogni, tagliateli finemente e metteteli a soffriggere in una padella con l'olio. Appena rosolati, aggiungete il lanttu tagliato a tocchetti, salate, aggiungete un bicchier d'acqua e lasciate cuocere per 15 min circa a fuoco dolce. Spegnete e lasciate raffreddare. Sbattete le uova con la panna, aggiungete una presa di sale e il prezzemolo. Stendere la pate a quiche, in modo che abbia uno spessore di circa mezzo cm e adagiarla su una tortiera, precedentemente rivestita con carta da forno. Tagliate il salmone a pezzetti e aggiungetelo sulla base della torta, assieme al lanttu e versarvi sopra il composto di uova e la panna. Infornate a 200 C, finche' la quiche non iniziera' a gonfiare. Toglietela dal forno e servitela fredda.



Quiche with salmon and lanttu

For the pate a quiche, look here

For the filling

-350 g of lanttu (or potatoes)
-150 g of smoked salmon
-2 scallions
-2 eggs
-2 dL of cream
-1 teaspoon of minced parsley
-salt
-2-3 spoons of extra virgin oil
-a glass of mineral water

Prepare the pastry as explained in the old post.
Peel the scallions, cut those finely and fry in a pan with the oil. As soon the scallions will get brownish, add the lanttu cut in small pieces, a pinch of salt, and the water. Cook under low flame for 15 min about. Turn the flame off and let cool down. Beat the eggs with the cream, add a pinch of salt and the parsley. Spread the pastry, in order to get a thickness of half cm and lay it down with care on a baking pan, previously covered with some backing paper. Cut the salmon in small pieces and put those on the basis of the quiche, together with the lanttu, and pour on that the mixture of eggs and cream. Bake in preheated oven at 200 C, until the quiche will start to rinse. Take it out from the oven and serve it cold.


5 commenti:

Wennycara ha detto...

Deliziosa la ricetta, penso che risolva innumerevoli punti morti (pasti per cui non si ha la benchè minima idea di come affrontare!)
Ottimo lo spunto per la base, grazie davvero!
p.s.: pensi si possa sostituire il lanttu con il sedano rapa?
baci,
wenny

Orchidea ha detto...

Buona... anch'io adoro le torte salate. Io il lantuu non l'ho ancora provato...
Ciao.

Lucy ha detto...

@wennycara
Credo di sí! Anche se il lanttu ha un sapore piú delicato. Beh, prova e fammi sapere ;)
@orchidea
Provalo, si presta per tante ricette ed é buonissimo anche per le vellutate.
A presto!
Lucy

marcella candido cianchetti ha detto...

vorrà dire che la farò con le patate troppo appetitosa! ciao

Gunther ha detto...

complimenti bella torta salata ho imparato qualcosa di nuovo che non conoscevo